Scegli il giorno, e prenota
«« Settembre - 2018 »» 2017 | 2019
LunMarMerGioVenSabDom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Linfodrenaggio

Con il termine linfodrenaggio ci si riferisce a un insieme di tecniche manuali che consentono il drenaggio della linfa all'interno dei vasi linfatici ed il deflusso di liquidi organici e tossine ristagnanti, favorendo il riassorbimento degli edemi (gonfiori) e rilassando le fibre muscolari.

E’ un trattamento dolce: permette il libero fluire e il riassorbimento della linfa.

Sali minerali, proteine, acqua, ossigeno, sono elementi di cui è costituita la linfa che danno nutrimento delle cellule e consentono  l’eliminazione dei rifiuti.


Il linfodrenaggio è consigliato per preparare i tessuti ad un intervento chirurgico, dopo interventi chirurgici di asporto di importanti stazioni di linfonodi o in casi di insufficienza venosa, varici, gonfiori e cellulite.

Il principale effetto del linfodrenaggio è antiedematoso: esso favorisce infatti la circolazione linfatica, aumentandone la velocità di scorrimento, permettendo in questo modo la riduzione dell'edema, sia linfatico, sia di altra origine.


E’ utile anche per eliminare gli edemi che si formano dopo un intervento di chirurgia plastica ed estetica.


Ha effetto benefico sulla microcircolazione, poiché viene migliorata la mobilità propria dei vasi e una accelerazione dei processi di filtrazione-riassorbimento a livello capillare sanguigno.  

Le sedute hanno una durata di circa un’ora. Il numero varia in base alle esigenze del paziente. Si consiglia di non sottoporsi a linfodrenaggio negli stadi acuti dei problemi, per evitare di portare nel sangue gli agenti infettivi. Inoltre molta cautela nei casi di insufficienza cardiaca, forme asmatiche, flebiti, tromboflebiti e tumori.

« Indietro